top of page
E 485 DSC_9866.jpg

Una Condizione essenziale.

Per garantire la massima Sicurezza è necessario il diligente adempimento della revisione.

Documento di informativa e dati di fatturazione SFBM

delle bombole CNG4 portate in revisione.

D 870 DSC_9276.jpg

Le bombole per gas metano approvate secondo le norme italiane DGMC (generalmente presenti solo sui veicoli trasformati) devono essere revisionate ogni 5 anni con riferimento alla data dell’ultima revisione.

B 227 DSC_9291.jpg

Le bombole di omologazione internazionale ECE/ONU R. 110 (installate sia sui veicoli omologati dal costruttore che su quelli trasformati) devono essere revisionate presso gli stabilimenti SFBM ogni 4 anni a partire dalla data di immatricolazione dell’auto ovvero dalla data della revisione, ad eccezione delle bombole di tipo CNG4 installate a bordo di veicoli di categoria M1 ed N1.

C 505 DSC_9108.jpg

Le bombole di omologazione internazionale ECE/ONU R. 110 di tipo CNG4 installate sulle autovetture di categoria M1 ed N1 devono essere revisionate ogni 4 anni a partire dalla data di immatricolazione dell’auto ovvero dalla data della revisione presso le officine autorizzate dalla casa automobilistica e riportate anche sul sito www.ilportaledellautomobilista.it (sezione veicoli/revisioni) o comunque presso altre officine autorizzate a svolgere il servizio.

Se il veicolo è trasformato in officina, occorre controllare la scadenza delle bombole (5 anni in caso di bombole approvate DGMC o 4 anni in caso di omologazione internazionale ECE/ONU R. 110) indicata sulla targhetta applicata dall’impiantista. Si invitano gli utenti e gli operatori a controllare l’idoneità delle bombole soprattutto in occasione del rifornimento. L’officina che effettuerà la sostituzione delle bombole scadute con altre valide provvederà a far pagare all’utente esclusivamente i costi di mano d’opera mentre tutte le altre spese (amministrative, collaudo e verifica delle bombole da revisionare, sostituzione con bombole valide) sono a carico della SFBM che promuove le revisioni su ogni bombola presentata, con controlli molto severi garantiti dalla certificazione rilasciata dagli organi competenti. Le bombole non più valide devono essere rottamate e sostituite gratuitamente con altre dello stesso tipo in piena efficienza. Grazie a queste operazioni restano in circolazione soltanto le bombole perfettamente idonee. Attualmente circa 70 depositi, anch’essi presenti in ogni regione italiana, sono in grado di raccogliere le bombole per trasportarle nei centri di revisione autorizzati. 

bottom of page